Spiegazione al titolo del blog

Mi è venuto in mente che, magari, il titolo del mio blog possa risultare offensivo o sintomo di protervia…Bè, allora cercherò di spiegarvi cosa significa per me Degli altri me ne frego: significa fregarmene di chi mi vuole fregare. E chi mi vorrebbe fregare, vi starete chiedendo? Ve lo spiego con le parole di Erica Jong (leggete attentamente):  Qualunque idiota … Continua a leggere

A proposito di Bill…chi se ne frega se è gay, trans ecc

Allora…cominciamo con ponyboy: che diamine significa “sai gli altroi di te?”.Mi piacerebbe scoprirlo. Passiamo poi a bagaj…Per quanto mi riguarda, Bill potrà anche essere gay, la cosa non mi riguarda, sono affari suoi e sappi che non sono una di quelle fan che si documenta sulle sue ex o probabili fidanzate disperandosi di non poter essere al fianco del loro … Continua a leggere

ACCORRETE FANS DI BILL KAULITZ!!

Attenzione: SONO UNA BILL-KAULITZ ADDICTED!!! ho appena aggiunto un album cn le sue foto…appena avrò tempo ne aggiungerò altre…Attendo numerose altre fan del bellissimo cantante dei Tokio Hotel! Devo ammettere che della loro musica so poco e che le uniche canzoni che mi piacciono sono Schrei, Ready set go e Monsoon…Ma il tutto è perdonabile, dato che non sono una … Continua a leggere

Una scuola:la mia

Una scuola come miniatura dell’intera società. Ed un’assemblea d’istituto come riproduzione in piccolo di un’assemblea parlamentare. Chi grida per farsi ascoltare, chi impedisce all’altro di parlare sovrapponendosi con la propria voce, chi è totalmente indifferente, chi è totalmente disfattista e, soprattutto, chi, con la propria assenza, fa sentire in maniera ancor più massiccia il proprio punto di vista, mettendo in … Continua a leggere

Se l’amore nasce tra un uomo e un dolce efebo

Come si può non adorare Okane ga nai? Lui, Kanou, emblema della virilità: alto, moro, possente, elegante, impulsivo, violento, determinato, senza scrupoli. L’altro, Ayase, dolce e giovane efebo dalle sembianze di un angelo: viso androgino, pelle candida, corpo minuto e fragile, grandi occhioni rilucenti, mani  aristocraticamente delicate, animo gentile e buono, talmente buono da sfociare nell’ingenuità. Cosa succede se il primo si … Continua a leggere

Lolita

Nabokov e la sua Lolita quel giorno mi accompagnarono lungo un bagnasciuga, scaldata da un sole che andava infrangendosi argenteo sul mare. Quella ragazzina acerba ed il desiderio libidinoso del mostro che aveva reciso la sua pubescenza mi assillavano, facendomi navigare in flussi di pensiero privi di filo logico. E quando vidi quella ragazza venirmi incontro-capelli rossi fluttuanti in quel … Continua a leggere